I 3 motivi per visitare il castello Giusso di Vico Equense

La Penisola Sorrentina è ricca di posti bellissimi da vedere ed esplorare. Tra questi vi è il Castello Giusso che vale assolutamente la pena una visita. Si tratta di una struttura militare, poi divenuta residenziale, che si trova nella città di Vico Equense. Risale al XIII secolo, anche se negli anni ha subito tanti mutamenti che hanno cambiato in maniera sostanziale il suo aspetto originario. Si chiama in questo modo, prendendo il cognome da uno dei suoi proprietari. A oggi, viene utilizzato come luogo per meeting, per cerimonie ed esposizioni artistiche. Nel corso della sua storia sembrerebbe che tale castello sia stato costruito secondo la volontà di Carlo II D’Angiò. Questo castello ha cambiato completamente la sua struttura nel corso dei secoli. Vediamo quali sono i motivi per cui vale la pena visitarlo e quali sono alcune leggende che ne contraddistinguono la storia fin dal principio.

I motivi per visitare il Castello Giusso

Visitare il Castello Giusso significa avere una vista privilegiata sulla Penisola Sorrentina e scoprire quel che resta di una delle strutture più antiche di tutta la Costa e del territorio Sorrentino. Già le sue origini, infatti risalgono al VII secolo avanti Cristo, come risulta anche da alcuni corredi funerari che si sono trovati nell’antica necropoli. Questa necropoli è stata scoperta nel XX secolo. Col passare degli anni ha cambiato la sua forma, la sua struttura, ma a oggi vale ancora la pena visitarlo. E’ diventato meta di riferimento per eventi di vario genere ed offre una vista bellissima. Vediamo perché vale la pena visitare questo castello e quali sono le sue caratteristiche.

1 – L’imponenza e lo scorso a picco sul mare

Il Castello Giusso di Vico Equense ha subito tante trasformazioni ma da oggi, rappresenta ancora una struttura a picco sul mare davvero molto particolare. Sorge, infatti su una scogliera fatta in tufo. Una delle caratteristiche di questo castello è proprio il suo essere a picco sul mare. Però, in realtà anche il suo interno è stato ristrutturato in modo tale che l’antico bastione Angiolino possa essere considerata una villa a tutti gli effetti. Assolutamente da visitare la sala dei ventagli che ha dei dipinti che risalgono al 1600, influenzate del Barocco napoletano. Oltre al suo bellissimo Belvedere, vi sono anche i giardini dove si trovano agrumi, rosmarino, lecci secolari e piante selvatiche del Mediterraneo. Inoltre, vi è anche uno strepitoso pergolato con l’affaccio sul mare e in una terrazza che rende strepitoso questo panorama. Gli abitanti del castello amano anche vedere le linee sinuose del Vesuvio direttamente dal Belvedere del Castello. Offre una spiaggia privata davvero molto comoda e caratteristica. Insomma, la sua imponenza ed eleganza sono senza tempo.

2 – La leggenda di Carlo d’Angiò

Una delle cose più particolari relative al castello è anche la sua leggenda relativa a Carlo II D’Angiò. Secondo fonti attendibili fu proprio lui a volere questo castello perché voleva difendere il borgo di Vico Equense che ospitava nei mesi estivi la famiglia reale. Secondo un’altra leggenda però, in realtà fu il feudatario Sparano di Bari a volere questo castello. La costruzione avvenne sempre sotto però il finanziamento del re angioino. A oggi, si racconta anche di una leggenda legata alla Regina Giovanna I del Regno di Napoli. Infatti, secondo la leggenda andrebbe a infestare le mura del Castello Giusso di Vico Equense, proprio il fantasma della donna. Poiché suo nonno morì prematuramente lei si trovo a essere sovrana ed è famosa perché era un amante insaziabile tanto vale che la chiamavano Giovanna La Pazza. La regina era molto legata a questo territorio e aveva anche l’abitudine di mettere delle trappole mortali all’interno del castello, in modo tale che nessuno potesse scoprire i suoi appetiti sessuali. In realtà, però la donna poi sarebbe rimasta come fantasma nel castello perché lei stessa divenne vittima di uno dei suoi tranelli anni mortali che la portarono alla morte.

3 – Organizzare un matrimonio o un evento a Castello Giusso

Un’altra motivo per cui vale la pena visitare il Castello Giusso è perché è una location ideale per chi vuole organizzare un evento per il proprio matrimonio. Infatti, questa struttura a oggi è gestita da nuovi proprietari che l’hanno destinata a vari tipi di eventi. Rispetto alla struttura originaria, sono ancora visibili la cinta muraria e poi la storica terrazza sul mare di cui ci sono anche testimonianze degli antichi racconti. Dopo tanti lavori di restauro nel XVII secolo, il castello è diventato una residenza signorile che è davvero molto particolare. Questo castello, infatti, ospita tantissimi eventi di alto calibro, nonché cerimonie civili e religiose. Addirittura, vale anche la pena sapere che il giurista napoletano Gaetano Filangieri aveva deciso di trascorrere i suoi ultimi giorni convinto anche che quell’aria l’avrebbe aiutato a combattere le malattie da cui era affetto. Poi morì proprio nella Fortezza il 21 luglio del 1788.

 

 

Leggi Anche

Massa Lubrense, Festival Internazionale del Giornalismo e del Libro d’inchiesta

Quarta edizione del Festival Internazionale del Giornalismo e del...

Capri: L’Isola delle Meraviglie…e dei VIP

Situata nel cuore del Golfo di Napoli, l'isola di...

Oplontis, Villa di Poppea, raffinati affreschi e lussuose strutture

Nel cuore pulsante di Torre Annunziata, circondata dai vestigi...

Mettetevi comodi! Il programma della sesta edizione degli Incontri di Valore

Tornano gli Incontri di Valore, la rassegna culturale ideata...

Pompeii Theatrum Mundi 2024. Primo appuntamento 13 giugno

Programmata la settima edizione del Pompeii Theatrum Mundi 2024....