Oplontis, Villa di Poppea, raffinati affreschi e lussuose strutture

Nel cuore pulsante di Torre Annunziata, circondata dai vestigi archeologici che raccontano le gesta di tempi gloriosi, la Villa di Poppea si rivela come una finestra preziosa sulla vita quotidiana dell’antica Roma. Questo imponente complesso residenziale, originario della metà del I secolo a.C. e successivamente esteso, è attribuito a Poppea Sabina, la seconda consorte dell’Imperatore Nerone.

La villa è rinomata per i suoi affreschi delicati e le strutture opulente, che spaziano dalle terme private a un ampio giardino prospiciente il mare, impreziosito da sculture e fontane. Gli scavi più recenti non solo hanno messo in luce la grandiosità architettonica del sito, ma hanno anche svelato particolari affascinanti, come un tunnel sotterraneo che sfociava sul litorale antico e una piscina di 60 metri, circondata da sale adornate di giardini dipinti.

Straordinaria collezione di statue presso la Villa di Poppea a Oplontis

La Villa di Poppea a Oplontis si distingue anche per una straordinaria collezione di statue. Tra i pezzi di spicco, figurano rappresentazioni di divinità e personaggi mitici e storici, che aiutano a ricreare l’atmosfera visiva e culturale dell’epoca. Le opere includono figure di Nike, Artemide e l’Efebo, oltre a un busto di Eracle e diverse statue di bambini, con un rilievo particolare per una statua di un ragazzo con un’oca, inizialmente parte di una fontana, dimostrazione della raffinatezza artistica del periodo.

Questi reperti forniscono ai visitatori una prospettiva esclusiva sull’arte e la cultura romana, esaltando la sofisticatezza delle tecniche scultoree e la ricchezza tematica delle sculture presenti.

L’integrazione tra sculture, affreschi e architettura della villa offre un’esperienza coinvolgente che trasporta i visitatori indietro nel tempo, all’epoca di Nerone. La Villa di Poppea a Oplontis non è solamente un sito archeologico di calibro internazionale; è un portale verso un’era di magnificenza culturale romana, che continua a incantare e attrarre visitatori globali, anche grazie ai restauri e alle ricostruzioni attuate, come il giardino recentemente rinnovato con piante di alloro e limoni, piantate seguendo le scoperte degli archeologi per rievocare la grandezza originaria.

Leggi Anche

Massa Lubrense, Festival Internazionale del Giornalismo e del Libro d’inchiesta

Quarta edizione del Festival Internazionale del Giornalismo e del...

Capri: L’Isola delle Meraviglie…e dei VIP

Situata nel cuore del Golfo di Napoli, l'isola di...

Mettetevi comodi! Il programma della sesta edizione degli Incontri di Valore

Tornano gli Incontri di Valore, la rassegna culturale ideata...

Pompeii Theatrum Mundi 2024. Primo appuntamento 13 giugno

Programmata la settima edizione del Pompeii Theatrum Mundi 2024....